Cammello

/Cammello
Cammello2017-03-30T17:02:20+00:00
CLASSE
Mammiferi
FAMIGLIA
Camelidae
NOME SCIENTIFICO
Camelus bactrianus
DOVE SI TROVA NEL PARCO
Safari
DISTRIBUZIONE.
Presenti allo stato selvatico dall’Asia centrale alla Mongolia il cammello (a 2 gobbe), e nella regione arabica e nordafricana il dromedario (ad 1 gobba). Introdotti in Australia ed altrove.

DIMENSIONI.
Fino a 3,5 mt. più la coda. Altezza al dorso 1,8 –2,1 mt. Peso 450 – 700 Kg.

HABITAT.
Zone aride e semidesertiche, steppe, ecc., con temperature sia torride che quasi polari.

ALIMENTAZIONE.
Si nutrono di vegetali di ogni tipo, anche se immangiabili per altri erbivori. Sopportano benissimo la sete anche per settimane, se hanno cibo verde a disposizione, ma possono bere in una sola volta oltre 100 litri di acqua dolce o salmastra.

RIPRODUZIONE.
Dopo 12-14 mesi di gestazione, nasce 1 solo piccolo (raramente 2). Il picco dei parti si ha a fine inverno/primavera ma è possibile anche in altri periodi. Lo svezzamento si ha a circa 12-15 mesi. La maturità sessuale è raggiunta a 2-3 anni e la riproduzione è possibile per tutta la vita (anche 50 anni).

NOTE.
ormai presenti quasi soltanto allo stato domestico, vengono sfruttati quali animali da trasporto, per le pelli, la carne ed il latte ed addirittura per le corse sportive, dove superano i 65 Km. orari.

Il cammello è un mammifero artiodattilo appartenente alla famiglia Camelidae. Stretto parente del dromedario con cui condivide la morfologia generale, se ne distingue per l’avere due gobbe piuttosto che una singola e il pelo notevolmente più lungo. Allo stato selvatico il cammello (Camelus ferus) è quasi estinto, rimanendo con poche centinaia di individui in Cina e Mongolia nei deserti di Gobi e Taklamakan. Tutti i cammelli al di fuori di queste aree sono addomesticati e costituiscono una specie a sé stante (Camelus bactrianus). È un mammifero imponente raggiungendo un’altezza al garrese pari a 180-230 cm, una lunghezza di 225–350 cm e un peso variabile tra 300 e 1,000 kg. Il rapporto tra uomo e cammello è noto dai tempi antichi con i primi tentativi di addomesticamento risalenti al 2.500 a.C. Grazie all’estrema tolleranza a condizioni climatiche estreme (da temperature al di sotto dello zero fino a condizioni di estrema calura), alla capacità di fare a meno dell’acqua anche per mesi e alla infaticabilità nel percorrere anche lunghe distanze, il cammello è stato usato come animale da soma e da guerra da molti popoli. Introdotto anche in Italia in epoca romana, attualmente è allevato solo all’interno di giardini zoologici e circhi. È erbivoro e può virtualmente cibarsi di ogni tipo di vegetazione, sia essa secca, spinosa, salata o amara. Data la mole è quasi privo di predatori. Solo in alcune aree è predato dal lupo grigio. L’aspettativa di vita è di circa 50 anni, 20-40 in cattività.